Venerdì sera è: pizza vegan con verdure, formaggio di riso e olio alla nocciola

Ma le parole, quando le pianti dentro un terreno fertile e le concimi di sentimenti, mettono radici in fretta.

[Massimo Cuomo, Piccola osteria senza parole]

Sentimenti. Oggi dedico il post a loro. Sentimenti. Letteralmente l’esercizio della sensibilità, la percezione delle impressioni.

Parole. Dedico il post anche a loro. Perché le parole uccidono e fanno miracoli insieme. Ed è vero: se le concimi di sentimenti mettono radici in fretta, radici buone quelle che non fanno male. Ma noi non siamo più capaci a concimare con i sentimenti. Forse perché abbiamo paura di compiere miracoli, forse perché abbiamo paura di essere buoni, frangibili, fragili e di spezzarci un po’. Perché se concimi di sentimenti, puoi anche farti male, maledettamente male. E allora preferiamo non farlo. Meglio non farsi male che rischiare di compiere qualche piccolo miracolo. Sia mai. Miracolo hai detto? Sentimento?

Spesso non comprendo la facilità con cui si compie il male e la paura con cui ci si approccia al bene. Un po’ come quando si sta male di fronte alle cose belle. Siamo fatti strani, non c’è che dire. Forse non ci stimiamo abbastanza: forse se pensassimo che anche noi, comuni mortali, siamo in grado di compiere piccoli miracoli di bontà, le cose andrebbero diversamente.

Sì, forse è così: ci stimiamo troppo poco, e scegliere di concimare con il male è la scelta più semplice, anzi, quella più veloce. Il bene chiede un investimento emotivo, chiede che ci crediamo, pretende che ti frangi un po’, che ti impegni, che ci credi. Ma noi non crediamo più al bene, né ai miracoli, né alle parole dette con e per amore.

Noi non crediamo più, tutto qui.

Credere. Dedico questo post anche a questo: credere. Che in fondo con le parole e con i sentimenti va a nozze. Dobbiamo credere non solo che il bene esiste, ma che anche noi possiamo produrlo. Che anche noi possiamo essere imperfetti produttori di miracoli. Miracoli di cose belle, quelle concimate sul bene e ripiene di bene. Senza se e senza ma…

davnor

PIZZA VEGGIE GLUTEN FREE CON VERDURE MISTE, VERDE DI RISO, OLIO ALLE NOCCIOLE E AROMATICHE

L’amore, quello vero, è un miracolo e passa attraverso piccole e grandi gesti, attenzioni, anche ricette. Qui ci ho messo il cuore: quando cucini per qualcuno devi sempre metterci il cuore, anche quando cucini per te stesso. Ma la pizza ci ricorda che condividere è più bello. Ecco qui una pizza veggie da perfetto friday night: ricoperta di verdure e con un bel Verde di Riso, un formaggio di riso vegan di VERYS dal sapore incredibile perché contiene alga Nori e Ulva (o lattuga di mare) e ha quindi anche tanti preziosi antiossidanti naturali. Ultimiamo con olio evo di qualità, erbe aromatiche e frutta secca. Una delizia!

sdrdav

099ae8_e72807be81a44d71b6e38ab8bfc7e966Ingredienti per una teglia 30×30 cm

250 g di farina per pizza gluten free; 1 bustina di lievito in polvere; 100 ml di acqua tiepida; 2 cucchiai di olio evo; 1 spicchio d’aglio; 1 cucchiaio di semi di lino; 1 cucchiaino di zucchero; erbe aromatiche secche e fresche; 1 confezione di Verde di Riso Verys; 1 mazzetto di asparagi selvatici; 2 cipolle bianche piccole; una decina di pomodorini; 1/2 cespo di radicchio; qualche foglia di costina; 30 g di nocciole; sale e pepe q.b.

dav

Preparazione

  • Preparate subito l’olio alle nocciole: tritate le nocciole, trasferitele in una tazza e copritele con abbondante olio e qualche foglia di menta. Mescolate e fate riposare
  • In un recipiente mescolate farina, acqua, erbe aromatiche secche sbriciolate (salvia, timo, maggiorana, origano) olio, lievito in polvere, semi di lino e un pizzico di sale. Create una bella palla e fatela riposare coperta con un panno umido per 30 min.
  • Nel frattempo preparate le verdure: pulite gli asparagi (privateli della parte dura del gambo) e tagliate le cipolle finemente.
  • In una padella fate insaporire qualche minuto le cipolle con pepe, sale, zucchero e un filo d’olio.
  • In un wok scaldate un filo d’olio, unite l’aglio e poi gli asparagi, aggiungete un bicchiere di brodo di verdura e cuocete per circa 15 minuti. Gli asparagi devono restare abbastanza croccanti.
  • Stendete la pizza su carta da forno oleata e conditela: prima spennellate con olio alle nocciole, poi aggiungete le cipolle, il verde di riso a fettine, il radicchio tagliato molto fine (tenete da parte un po’ per la decorazione), i pomodorini, gli asparagi, le aromatiche fresche (nepetella, pimpinella, santoreggia, salvia, menta), le costine a crudo. Ultimate con olio in modo da coprire bene tutte le verdure, una macinata di pepe nero e ancora un pizzico di sale.
  • Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti circa.
  • Prima di servire, decorate con il radicchio rimasto, un po’ di origano, qualche nocciola spezzettata e un filo d’olio.

sdrAll-focusdav

Prodotti

VERYS

Accessori OVERBECK&FRIENDS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...