C’ERA UNA VOLTA… Pasta arcobaleno: orecchiette alle sette polpette

Rosso, arancione, giallo, verde, azzurro, indaco, violetto…

C’ERA UNA VOLTA una principessa. Anzi, sette principesse. Ognuna aveva un abito di un colore diverso: verde, giallo, rosso, rosa, arancione, blu e bianco. Ma la principessa con l’abito bianco non si sentiva fortunata: quando pioveva il suo vestito si sporcava sempre, quando splendeva il sole nessuno riusciva a guardarla perché l’abito rifletteva troppo la luce. Avrebbe tanto voluto un abito nero o viola o azzurro. Ma non bianco. E così restava sempre in casa e non usciva mai, mentre le sue sorelle partecipavano a balli, feste e pranzi all’aperto.

Finché un giorno il re, papà delle principesse, decise di fare qualcosa per sua figlia. La sentiva piangere, e perfino le lacrime riuscivano a sporcare quel bel vestito bianco. Il re amava cucinare, e allora quel giorno invitò al castello tutte le persone del paese. Erano tantissime e il re aveva chiesto solo una cosa: che tutti fossero vestiti di bianco, comprese le sue figlie. Tutte, tranne quella con il vestito bianco. “Tesoro, tu sei già sempre vestita di bianco. Oggi indosserai questo bel vestito dai colori dell’arcobaleno!”. L’abito era multicolore, bellissimo ed elegante. Proprio da principessa. Tutti sedettero a tavola, e il piatto principale fu servito subito: era una buonissima pasta al pomodoro. Nessuno però la conosceva e quindi nessuno sapeva come mangiarla. E così, tutti sporcarono di sugo i loro bei vestiti bianchi. Anche la principessa dal vestito color arcobaleno: ma nessuno se ne accorse, perché il suo abito era già colorato. Tutti mangiarono felici, anche se avevano il vestito sporco di pomodoro.  E anche la principessa bianca fu felice perché non si sentì diversa dagli altri. Da quel giorno, il re fece preparare montagne di pasta al pomodoro. Nel suo regno la amavano, anche se ogni volta continuavano a sporcarsi i bei vestiti bianchi. Che così divennero colorati e ancora più belli. La principessa bianca da allora fu chiamata Principessa Arcobaleno e poté tornare ad essere finalmente felice. Così, tutte le volte che piove e poi spunta il sole, compare anche lei con il suo bell’abito dai mille colori: ed è l’arcobaleno…

nornor

PASTA ARCOBALENO. Orecchiette alle sette polpette, con coriandoli di parmigiano e pistacchio. 

Ispirazione fiabesca e carnevalesca insieme per questo piatto che non ha paura di essere…pieno di colori. Così ho scelto una pasta artigianale colorata (con nero di seppia, spinaci, barbabietole e carote) e delle mini polpettine un po’ al pomodoro, un po’ alle erbette, un po’ al parmigiano, un po’ al cavolo viola (che dà solo colore, quindi ai bambini possiamo anche non dire che c’è della verdura!). E per finire, “coriandoli” di parmigiano e granella di pistacchio. E stelle filanti e coriandoli veri per decorare. E un fiocchetto da clown che ci ricorda di fare scarpetta nel piatto e di non avere paura di sporcare i vestiti bianchi.

Un piatto di orecchiette con sette polpette per ricordarci dell’arcobaleno che, se vogliamo, possiamo creare e portarci dietro ogni giorno!

nordav

Ingredienti per 2/3 bambini

22o g di orecchiette colorate; 100 g di macinato di carne (ho usato bovino); 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro; 50 g di parmigiano grattugiato; 1 cucchiaio di granella di pistacchio (scegliete SCIARA PISTACCHIO e sarà un successo); 1 cucchiaio raso di erbe aromatiche; 1 cucchiaio di panna fresca; 1 spicchio d’aglio; 1 foglia grande di cavolo viola; 1 carota; sale, pepe e olio q.b.

sdrsdrAll-focus

Preparazione 

  • Prendete il macinato di carne e create delle piccole polpette: ne otterrete una ventina. In una tazzina sciogliete il pomodoro concentrato con un cucchiaio di acqua, aggiungete 4-5 polpette e mescolate bene in modo tale che le polpette prendano un bel colore rosso. Tenete da parte. Prendete altre 4 polpettine e rotolatele nelle erbette; fate lo stesso con il parmigiano, inserendo all’interno di ogni polpetta una scaglia di parmigiano così da creare il cuore tenero.
  • Scottate in un filo di olio la foglia del cavolo, frullatela, fatela raffreddare e in un recipiente mescolate il cavolo frullato con altre 4 polpettine.
  • Accendete l’acqua per la pasta. Nel frattempo, tagliate la carota a fettine, fatela insaporire in una padella con olio, l’aglio, sale e pepe. Aggiungete le polpette tranne quelle rosse e cuocete per cinque minuti circa.
  • Nel frattempo, in una padella più piccola, scaldate quelle rosse in un filo di olio e sale. Buttate la pasta e scolatela al dente.
  • Mettete tutte le polpette da parte: nella padella con le carote, aggiungete la panna e del parmigiano grattugiato. Fate andare a fiamma bassa qualche minuto, unite le orecchiette e fate insaporire.
  • Servite con 7 polpettine per ogni piatto, e ultimate con scagliette di parmigiano e granella di pistacchio.

dav

Prodotti

SCIARA PISTACCHIO

All-focus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...