A San Valentino cucina lei: torta leopardo con ganache al cioccolato e peperoncino

San Valentino – Parte due: donna ai fornelli 

Abbiamo provato, forse ci siamo anche riuscite: l’abbiamo messo ai fornelli, gli abbiamo fatto cucinare la verdura e preparare un cuore tenero, perfino vegano. Però diciamolo: la donna è… superiore. Noi abbiamo proprio una marcia in più: cuciniamo, nello stesso tempo rispondiamo alla mail, ascoltiamo la musica, facciamo pulizia, aiutiamo i bambini nei compiti, parliamo con l’amica e programmiamo il giorno successivo. Siamo creative, impegnate, entusiaste. Ecco, diciamo quasi sempre.

All-focus

E così, se il nostro lui ci ha preparato (a gran fatica ma, riconosciamolo pure, con un ottimo risultato) un cuore tenero, noi vogliamo rispondere così: con un pizzico di aggressività, profonda pazienza, originalità e tanto estro. E, naturalmente, quell’amore per le cose che, quando manifestiamo del tutto, rende ciò che facciamo baciato da quella bellezza in più. Siamo tigri, poetesse, fate; arpie quando vogliamo, principesse se qualcuno ci fa sentire così, madri amorevoli e migliori amiche; renne rosa ai fornelli per il nostro sciatore verde; siamo in grado di sorprendere, quando lo desideriamo per davvero e quando sentiamo l’energia per farlo. Perché quando ce l’abbiamo, quell’energia pulsante e dirompente che non ci tiene legate ma al contrario ci fa volare alto, allora sì che possiamo pensare di fare grandi cose…

davdav

Il San Valentino tutto femminile di Nordfoodovestest è una torta leopardo: L’ho scoperta per caso in un numero di Régal e me ne sono innamorata. Perché la torta zebrata è nota a tutti, ma forse per la festa degli Innamorati non è il massimo: e se ci capita il marito interista? Ecco una soluzione per tutto: un dolce leopardato, leggero, confortante e agrumato, con una nota piccante data dalla ganache al peperoncino.  Bisogna solo munirsi di santa pazienza, perché ci vuole un po’ di tempo (meglio, così possiamo occuparci delle altre mille cose in casa!).

All-focus

TORTA LEOPARDO SENZA UOVA CON GANACHE AL CIOCCOLATO FONDENTE E PEPERONCINO

Ho guardato un po’ di ricette sul web, e tutte propongono la stessa ricetta. Io ho modificato in qualche punto, aggiunto qualcosina e in ultimo decorato con una bella ganache preparata con cioccolato fondente, peperoncino e granella di pistacchi. Una piccola sinfonia afrodiasica. La consistenza è quella di una brioche, delicata perché senza uova e con pochi grassi. Si adatta alla colazione e al dopocena, è scenografica e divertente, insomma perfetta per stupirlo (e per stupire ancora una volta noi stesse delle nostri grandi doti artistiche!)

sdrdav

Ingredienti 

350 g di farina di avena; 25 g di amido di mais; 250 ml di latte parzialmente scremato; 30 g di burro; 70 g di zucchero di canna; 20 g di cacao amaro in polvere; 1 bustina di lievito per dolci; la scorza di un limone; 1/3 fialetta di aroma naturale di arancia amara (in alternativa, un baccello di vaniglia); 1 bustina di vanillina

Per la ganache: 100 g di cioccolato fondente; 15 ml di panna fresca; 1/2 cucchiaino di peperoncino in polvere; 15 g di granella di pistacchi

Preparazione

  • In un pentolino portare a ebollizione amido di mais e latte, mescolando senza formare grumi. Togliere dal fuoco, unire burro e vanillina e mescolare. Lasciar raffreddare.
  • In un recipiente, unire farina, zucchero, lievito e aroma. Aggiungere il composto di amido e latte e mescolare bene.
  • Formare una palla, lasciarla riposare 15 minuti e poi dividerla in due parti: a una metà aggiungere la scorza del limone; l’altra metà dividerla ancora in due: in una aggiungere 15 g di cacao amaro allungato con un cucchiaio di latte; nell’altra aggiungere 5 g di cacao amaro allungato con un cucchiaino di latte. Formare in totale 3 palle e farle riposare circa 90 minuti.
  • Trascorso il tempo, formare da ogni composto circa 8 palline (quelle bianche ovviamente saranno più grandi). Formate dei rotolini (il doppio della lunghezza della teglia) così procedendo: formare prima quello chiaro, avvolgerlo con quello più scuro che avvolgerete a sua volta con quello più chiaro. Otterrete dei rotolini molto spessi che taglierete in due.
  • Rivestite la teglia con carta forno. Disponete i salamini di pasta e spennellateli con il latte. Fate trascorrere 2 ore affinché la pasta lieviti.
  • Preriscaldate il forno. Infornate la torta spennellata con un po’ di latte a 180° per 35 minuti.
  • Sfornate a fate raffreddare. Preparate nel frattempo la ganache: sciogliete a bagnomaria il cioccolato con la panna. In ultimo unite il peperoncino. Coprite la torta con la ganache e ultimate con la granella di pistacchio.

img_20170209_145142sdr

Prodotti

dav

I piatti che raccontano storie d’amore bellissime, fiabe con renne e sciatori sono della storica azienda austriaca GMUNDNER KERAMIK. Il coltello invece fa parte della collezione Epoque Peltro dell’azienda MEPRA, made in Italy di grande design e fascino. D’ora in poi, fate bene attenzione a posate e sottopiatti delle mie immagini, perché Mepra ci metterà spesso lo zampino;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...