BUOSI: un gioiello di enoteca…

Diamonds (and wine, ndr) are a girl’s best friend.

[Marilyn Monroe]

Oggi Nordfoodovestest ci porta a Torino, a due passi dalla fermata della metro Montegrappa, precisamente in via Angrogna 16. Ci troviamo in un posto elegante e accogliente, magico e brillante, sorridente e sfarzoso che si chiama BUOSI. Siamo all’interno di un concept store di due piani, dove orologi, gioielli, fedi nuziali, acque di profumo e stilose tracolle la fanno da padrone. Varchi la soglia del negozio e ti sembra di percorrere un sentiero di luci e diamanti, abbagliante senza essere sfrontato, fine e luminoso, arricchito dai sorrisi del personale che ti conducono in questi luoghi dei sogni e delle scarpette di cristallo.

modifica1modifica2

Una gioielleria, certo, ma anche una profumeria, una pelletteria: un’immersione in orologi, ciondoli, bracciali, acque profumate, bomboniere e borse, in una cornice dominata da vetri che rendono ancora più ampi questi spazi già così ampi. Gli specchi ti riflettono, un gioco di luci e colori che si rifrangono, mentre tu percorri queste sale dominate dal silenzio e dall’ordine e dal sorriso attento del proprietario di questo castello delle fiabe: Alessandro.

Sento però un profumo nell’aria, quello che si avverte quando percepisci che c’è ancora qualcosa che ti sta sfuggendo e che devi cogliere. Quel profumo si chiama vino, e la misteriosa ampolla in cui questo profumo è contenuto si chiama Enoteca Buosi. Una sorpresa: perché basta percorrere pochi passi, scendere una scala, e dalle fragranze e orologi passiamo improvvisamente al mondo delle cassette in legno e dei tappi di sughero.

modifica4

Un’enoteca in una gioielleria non mi era ancora capitata. Qui è un’isola felice, dove l’ambientazione ricorda le antiche cantine di una volta, rivisitate, illuminate e arredate con stile semplice e raffinato insieme. Qui da Buosi si sorseggiano vini da circa 15 anni, ma è solamente dallo scorso ottobre che “abbiamo deciso di spingere l’acceleratore e adibire questa zona con un’ampia scelta di vini, taglieri vari e un menu costantemente aggiornato e adattato alle diverse esigenze”. Chiacchierare con Alessandro è riposante come sedersi alla sua enoteca: un vero padrone di casa, cortese e pacato, parliamo di vini, di scelte, di storie e in un attimo ci catapultiamo in un altro mondo fiabesco, senza più scarpette di cristallo, ma con le mani sporche di terra e di vino, le mani dei produttori con cui Buosi organizza serate di degustazione qui, in questo spazio.

modifica10

L’enoteca non è una esposizione di vini: qui il concetto è far comprendere ciò che si sceglie e si beve, avvicinare i meno esperti a etichette magari poco conosciute, o rendere edotti circa i grandi vini. Ecco che quasi tutti i giorni della settimana, qui da Buosi, sono protagonisti di un evento particolare: il martedì sera (dalle 18 alle 21) è HAPPY BUOSI, con la formula paghi 1, ne bevi 2, ma è anche la sera dedicata agli sposini, con un aperitivo a loro dedicato durante la scelta della loro lista nozze. Il cliente qui è coccolato e riverito, come il venerdì, con l’APERIBOLLA, tra bollicine e una selezione di formaggi e salumi più unici che rari. “Se ti piace il Porto, devi assolutamente assaggiare lo Shropshire Porto Uva Corinto” mi consiglia Alessandro: un formaggio di latte bovino invecchiato nel Porto e rivestito di uva Corinto. Questo non mi capita più…

Ma anche i salumi non scherzano, tra Lardo Pata Negra, Chiavennasca e Culatello Rigoletto. Il tutto abbinabile con pane, burro e acciughe del Cantabrico, che se ci penso mi sembra di essere laggiù, in Spagna, scossa dai forti venti asturiani a gustarmi le acciughe salate migliori al mondo. Se si capita qui il secondo venerdì del mese, si ha anche la fortuna di trovare ben tre selezioni di ostriche:  Fine Binic Selvaggia e Perle Noire dalla Bretagna, Special de Claire dall’Oleron. Mi prometto la prossima volta di vincere la mia idiosincrasia per le ostriche e provare l’ultimo tipo (non perché io lo conosca, ma perché il suo nome si avvicina al mio…). Insieme alle ostriche, anche gamberi tropicali e salmone Loch Fyne. Ingredienti pregiati per un aperitivo che riempie occhi e palato…

Questo venerdì 19 febbraio, sempre dalle 18 alle 21, Buosi ci porta in Franciacorta con una serata dedicata al MOSNEL e degustazione delle tre tipologie Brut, Rosé, Satin (venerdì 26 febbraio è invece dedicato a Bellavista. I posti sono piuttosto limitati, quindi è gradita la prenotazione:011 722479 / enoteca@buosi.com). E il sabato? Buosi ha pensato anche a questo, con uno SHOPPING LUNCH che ci regala una pausa veloce, ma al contempo rinfrancante e delicata: dai peperoni al forno con filetti di acciughe e tomini freschi alla carne cruda di bufala con parmigiano stagionato 30 mesi. Il tutto piacevolmente accompagnato dalla selezione dei vini dell’enoteca: una ventina di etichette piemontesi, altrettante provenienti da tutta Italia, e bollicine francesi come Canard Duchêne, Bollinger o Ruinart.

aperibolla

Eppure, sento che c’è ancora dell’altro. Perché in questa enoteca che non è solo un’enoteca, si organizzano anche Corsi di avvicinamento al vino, in 5 incontri e tenuti dagli stessi produttori. Attualmente, il modulo iniziato il 2 febbraio con Cordero di Montezemolo, si ultimerà il 1 marzo, tra Prosecchi e Champagne. Ma a settembre, mi assicura Alessandro, riprenderanno in questa stessa formula.

Mi piace la grande attenzione verso il cliente, la ricerca di materie prime pregiate e poco conosciute; mi piace pensare a un mondo del vino dove le cassette di legno delle bottiglie vengono usate come tavolini, dove io posso chiedere al proprietario di raccontarmi quell’etichetta e dove, se sono fortunata, posso anche incontrare il produttore.

E per chiudere in bellezza, una chicca dell’enoteca: il CORSO DI SCIABOLATURA, per apprendere la delicata arte del sabrage e ricevere l’attestato di Cavalier Sciabolator. Posso scegliere cosa aprire, anzi, cosa sciabolare tra Prosecco, Contratto Millesimato Extra Brut e Bellavista Brut Millesimato. E se proprio mi viene voglia di sciabolare anche a casa, posso acquistare la sciabola e farmela personalizzare sul momento dal loro laboratorio di incisoria. Mi sono ripromessa anche questo, insieme alle ostriche, per la prossima volta…

modifica

Saluto Alessandro con il sorriso dopo questa immersione nei diamonds e nel wine. Ma c’è ancora dell’altro. Ci spostiamo vicino al bancone, dove una porta ci conduce in un’altra magia: quella dell’arte sacra e dei presepi della ditta COMI 1898, che da tre generazioni fa del lavoro artigianale il suo marchio d’eccellenza, tra tovaglie, statuine del presepe e minuziose sceneggiature di case e paesaggi con cascate e movimenti meccanici. Una Napoli in miniatura in questo gioiello di enoteca, dove la signora Buosi mi saluta, dandomi l’arrivederci alla prossima (spero molto vicina) volta.

modifica8

Tolgo le mie scarpette di cristallo e rimetto piede nel mondo “reale”. Ma qui, in questo castello un po’ gioiello un po’ enoteca, ho avuto la fortuna di trovare eccellenza e artigianalità, cura e passione. E allora, ripenso a quando potrò rivestire i panni della principessa sommelier e tornare da BUOSI…

  • CONTATTI

BUOSI. Via Angrogna 16, 10139. Torino

http://www.buosi.com/ – https://www.facebook.com/enotecaBuosi.Torino/

modifica3

5 pensieri su “BUOSI: un gioiello di enoteca…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...